Avete immagini, loghi, caschi, autografi, poster, programmi e risultati relativi a questa pagina. MagF1 ha bisogno di te! Aiutateci a completare o modificare il database contattandoci tramite il formulario di contatto o via e-mail a contact@magf1.com.

Pubblicita
Pubblicità

Pilota britannico, avvocato e presidente della Fédération Internationale de l’Automobile (FIA), un’associazione senza scopo di lucro che rappresenta gli interessi delle organizzazioni automobilistiche e degli utenti di automobili in tutto il mondo. La FIA è anche l’organo di governo della Formula Uno e di altri sport motoristici internazionali.

Avvocato ed ex pilota amatoriale, Max Mosley è stato fondatore e comproprietario della March Engineering, un costruttore di auto da corsa e una squadra di Formula Uno. Si è occupato di questioni legali e commerciali per l’azienda tra il 1969 e il 1977 e ne è diventato il rappresentante presso la Formula One Constructors’ Association (FOCA), l’organismo che rappresenta i costruttori di Formula Uno. Insieme a Bernie Ecclestone ha rappresentato la FOCA presso la FIA e nei suoi rapporti con gli organizzatori di gare. Nel 1978, Mosley divenne il consulente legale ufficiale della FOCA. In questo ruolo lui e Marco Piccinini negoziarono la prima versione dell’Accordo Concorde, che risolse una lunga disputa tra la FOCA e la Fédération Internationale du Sport Automobile (FISA), una commissione della FIA e l’allora organo di governo della Formula Uno. Mosley fu eletto presidente della FISA nel 1991 e divenne presidente della FIA, l’organismo madre della FISA, nel 1993.

Mosley ha identificato il suo principale risultato come presidente della FIA nella promozione del programma europeo di valutazione delle nuove auto (Euro NCAP o Encap). Ha anche promosso una maggiore sicurezza e l’uso di tecnologie verdi nelle corse automobilistiche. Nel 2008, storie sulla sua vita sessuale sono apparse sulla stampa britannica, insieme ad accuse infondate riguardanti connotazioni naziste. Mosley ha citato con successo il giornale che ha pubblicato le accuse e ha mantenuto la sua posizione di presidente della FIA. Si è dimesso alla fine del suo mandato nel 2009 ed è stato sostituito dal suo successore preferito, Jean Todt.

Mosley era il figlio più giovane di Sir Oswald Mosley, ex leader dell’Unione britannica dei fascisti, e Diana Mitford. È stato educato in Francia, Germania e Gran Bretagna prima di frequentare l’università a Christ Church, Oxford, dove si è laureato in fisica. Poi cambiò in legge e fu chiamato all’ordine degli avvocati nel 1964. Durante l’adolescenza e i primi vent’anni, Mosley fu coinvolto nel partito politico del padre nel dopoguerra, il Movimento dell’Unione (UM). Ha commentato che l’associazione del suo cognome con il fascismo gli ha impedito di sviluppare ulteriormente il suo interesse per la politica, anche se ha lavorato brevemente per il Partito Conservatore nei primi anni ’80.

Mosley è stato il soggetto del documentario biografico Mosley del 2020 di Michael Shevloff. Morì nel 2021.

Pagina tradotta automaticamente dal Francese con DeepL®

Nessun commento

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Pubblicità

Notizie correlate

Pubblicita
Pubblicità
Iscriviti alla nostra newsletterPer ricevere le ultime notizie e gli aggiornamenti sul MagF1

    MagF1 non ha alcuna connessione con il Gruppo Formula One, la FIA, il FIA Formula One World Championship o Formula One Licensing B.V. e il suo contenuto non è approvato o sponsorizzato da queste entità. I termini F1, FORMULA UNO, FORMULA 1, FORMULA UNO e FORMULA 1 e qualsiasi combinazione di questi termini così come i loghi utilizzati in relazione al Campionato Mondiale di Formula Uno sono di proprietà di Formula One Licensing B.V. Essi non possono essere utilizzati in alcun modo che implichi un legame ufficiale con Formula One Group, la FIA, il Campionato Mondiale di Formula Uno FIA o Formula One Licensing B.V. Quest'ultima si riserva il diritto di prendere provvedimenti in caso di violazione.